Focus on

Speciale Sanremo 2018: la diretta della seconda puntata

La seconda puntata del Festival di Sanremo si apre con Michelle Hunziker e Claudio Baglioni sulla scala dell'Ariston; i due presentatori si lanciano in uno dei tanti siparietti che accompagneranno la serata e di cui, già ieri, eravamo tutti sazi.


La gara delle nuove proposte - Una dopo l'altra vengono presentate le quattro nuove proposte in gara stasera: Lorenzo Baglioni, Giulia Casieri, Mirkoeilcane e Alice Caioli.

 Lorenzo Baglioni con "Il congiuntivo" è il primo artista in gara per la sezione Nuove proposte; Lorenzo sale sul palco con quattro coristi vestiti da studenti laureati, con tanto di toga e cappello con pennacchio. Baglioni porta sul palco dell'Ariston la grammatica italiana con motivetti orecchiabili, speriamo che qualche ascoltatore impari qualcosa di nuovo, stasera. Giulia Casieri con "Come stai" vincitrice di Sarà Sanremo, porta sul palco dell'Ariston un'esibizione molto credibile.

Il terzo artista delle nuove proposte a salire sul palco è Mirkoeilcane e dal pubblico di Na Cosetta scatta il primo applauso. Mirko porta all'Ariston il dramma dei migranti attraverso le parole di un bambino "Stiamo tutti bene". Alice Caioli, con "Specchi rotti" è l'ultima tra le nuove proposte ad esibirsi.


La classifica delle nuove proposte risultata dai voti della giuria demoscopica è questa:

Alice Caioli

Lorenzo Baglioni

Giulia Casieri

Mirkoeilcane


La gara dei campioni - La scala che si anima è, anche questa sera, un momento altissimo. 

Riprende la gara dei campioni - questa sera sul palco saliranno, in ordine, Le VibrazioniNina ZilliDiodato e Roy Paci, Elio e le storie Tese, Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico, Red Canzian, Ron, Renzo Rubino (che sostituisce Ermal Meta e Fabrizio Moro, sospesi temporaneamente per violazione del regolamento), Annalisa, Decibel.

Aprono la gara Le Vibrazioni con "Distratto", che venerdì duetteranno con Skin, con un'esibizione migliore di quella di ieri. Bentornato, inizio 2000, non vediamo l'ora di ascoltarli dal vivo! É poi il turno di Nina Zilli, stasera con un vestito che le rende decisamente giustizia. "Senza appartenere" è l'ennesimo brano che celebra la forza delle donne, con una retorica, però, un po' vecchia; la Zilli, venerdì duetterà con Sergio Cammariere.



I primi ospiti - Di ritorno da un tour mondiale che li ha portati fino a Tokyo, il trio Il Volo porta sul palco dell'Ariston "Nessun dorma" dalla Turandot di Puccini. Il trio si lancia poi in un duetto con Claudio Baglioni sulle note di "Canzone per te" di Sergio Endrigo.


La ripresa della gara - Con "Adesso" è il turno di Diodato e Roy Paci. Roy Paci vince, per la seconda serata di seguito, il premio "Miglior T-shirt".; venerdì Diodato e Roy Paci duetteranno con Ghemon che ha partecipato alla stesura del brano scrivendone una strofa.

Secondo ospite della serata è l'immancabile Pippo Baudo, che è sempre un gran professionista e il teatro Ariston gli tributa la prima standing ovation della serata. Baudo, conduttore del Fesival di Sanremo 1968, torna sul palco per celebrare i 50 anni dalla sua conduzione e dedica a Sanremo una lettera piena d'amore e leggerissimamente autoreferenziale. Al termine della lettera, l'Ariston si alza in piedi per la seconda volta e Baudo coglie l'occasione per presentare Elio e le storie tese con "Arrivedorci" diretti da maestro Vessicchio "che ha diretto l'orchestra de I Mille!", scherza Pippo. I presentatori si perdono in un momento di celebrazione dei tempi andati e gli Elii, pronti sul palco, giocano a mora cinese nell'attesa; venerdì saranno I Neri per caso a duettare con gli Elii.


Un altro ospite - Sì, ancora un altro ospite: stavolta è il turno di Biagio Antonacci, praticamente è più il tempo in cui il palco è occupato dagli ospiti rispetto a quello dedicato ai concorrenti in gara. Stavolta forse riusciamo a scampare il duetto con Claudio Baglioni, ma non è detta l'ultima parola. Biagio invita il pubblico a praticare la gentilezza e a suonare i citofoni. Pensavamo di essere salvi e invece no, puntuale come la Hunziker che riporta l'ordine sul palco, arriva un duetto Baglioni-Antonacci, un mashup tra i brani dei due artisti. L'idea è buona, peccato che nessuno dei due riesca a prendere alcune note. Su "Mille giorni di te e di me" la sala di Na Cosetta partecipa al duetto, capitanata da Piji.

Il palco viene occupato ora da Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico con "Imparare ad amarsi"; la rete ieri si è scatenata con i commenti da "Bello il nuovo pezzo dei The XX" a "La Vanoni canta coi suoi due badanti". Sicuramente Imparare ad amarsi è un pezzone; venerdì il trio duetterà con Alessandro Preziosi anche se, confessa la Vanoni "è un attore, vedremo come canterà. É stanco, sta lavorando molto", cuore di nonna.


Il momento latino - Dopo un'oretta di assenza torna sul palco Pier Francesco Favino che porta sul palco la poesia di Gabriel Garcia Lorca per poi esibirsi in un passo a due con la Hunziker sulle note di Despacito.

La gara riprende con "Ognuno ha il suo racconto" di Red Canzian. Confermiamo che anche stasera il "tu ttu ru tu ttu ru" iniziale fa perdere all'esibizione tutto il tono rock con cui viene presentato l'artista. Il salotto di Na Cosetta si scatena in balli e mossette e accoglie con un'ovazione la notizia che venerdì Red duetterà con Marco Masini.


Ospiti internazionali - A quanto pare l'andazzo della serata è un artista in gara e un ospite; arriviamo finalmente al grande momento di vedere sul palco Sting, che porta sul palco dell'Ariston una versione in italiano di "Mad about you"; con "Don't make me wait" sale sul palco Shaggy. Non che ci fossero dubbi ma il duetto Shaggy-Sting è il momento musicalmente più alto di tutta la serata, compresa quella di ieri.


Il Sanremo di Na Cosetta - A Na Cosetta si approfitta dello spazio pubblicità per presentare Tom Armati, partecipante a Sanremo 2018, con il suo brano "Sa sa prova". > Riguarda l'esibizione di Tom Armati sul nostro profilo Instagram <



Duetti ancora duetti per Baglioni - Il direttore di Sanremo, non pago di tutti i duetti fatti in queste due serate di festival, ha duettato anche con Franca Leosini; la conduttrice di Storie Maledette interroga Baglioni sui dettagli della storia raccontata in "Questo piccolo grande amore".

E dopo l'ospite, è il turno di Ron con "Almeno pensami"; venerdì Ron duetterà con Alice.

La gara procede con Renzo Rubino, che oggi ha preso il posto di Ermal Meta e Fabrizio Moro, che concorre con il brano "Custodire" e che venerdì duetterà con Serena Rossi.

Torna sul palco Il Volo che si lancia in un duetto con Baglioni, e come poteva essere altrimenti?; questa volta il brano scelto è "La vita è adesso", sorprendentemente nessuno stona o finisce fuori tempo. E questa è la vera notizia di stasera.


L'esibizione di Annalisa (Il mondo prima di te) riporta il focus sulla gara e la regia, come già ieri, fa scelte discutibili in quanto ad inquadrature. Il brano di Annalisa, però, ancora una volta convince e qualcuno dal salotto di Na Cosetta già canticchia il brano, che venerdì sarà presentato con Michele Bravi.

Gli ultimi artisti in gara per oggi sono i Decibel con "Lettera dal Duca", dedicata a David Bowie; venerdì duetteranno con Midge Ure.


Il Professore Vecchioni - Ultimo ospite della serata Roberto Vecchioni che, indovinate un po', duetta con Baglioni su Samarcanda. Baglioni, ormai l'abbiamo capito, conduce il festival per rifarsi di tutte le sue mancate partecipazioni. Vecchioni spiega il senso di Samarcanda e aggiunge al monologo di Baglioni di ieri "Le canzoni non sono capolavori; i capolavori sono Machbet, Amleto. Le canzoni sono fiori giornalieri che danno affetto, speranza; le canzoni sono non-poesia ma io quando ascolto Caruso che canta sulla terrazza, Piero che non vuole sparare ma muore tra i papaver, o quando ascolto la Donna Cannone bella dentro che se ne frega di tutto, io sono ben felice di essere uno scrittore di canzoni". Il Professore, su richiesta di Baglioni, si abbandona al ritornello di Chiamami ancora amore, la canzone con cui ha trionfato proprio a Sanremo nel 2011.



Mago Forrest, perché? - Il momento sicuramente più basso della serata, incommentabile sotto tutti gli aspetti; pessima la sua entrata, pessime le battute sessiste verso la Hunziker, pessimo il pubblico che ride, pessime le battute a sfondo sessuale, pessimo il numero di magia. Livello classi delle scuole medie.


La classifica finale della serata elaborata con i voti della sala stampa - Anche stasera viene mantenuta la divisione nei colori blu - giallo - rosso e ribalta parzialmente il risultato della giuria demoscopica di ieri:


> Zona Blu

Diodato e Roy Paci

Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico

Ron


> Zona Gialla

Le Vibrazioni

Annalisa

Decibel


> Zona Rossa

Nina Zilli

Elio e Le Storie Tese

Red Canzian

Renzo Rubino


E sulle note della sigla -scritta da Claudio Baglioni- cantata dai tre presentatori, cala il sipario sulla seconda serata del Festival di Sanremo 2018. 


Seguiteci sul sito e sul nostro profilo Instagram, commentate con noi utilizzando l'hashtag #Sanremo2018.