Live People

I sindaci italiani chiedono la modifica della circolare Gabrielli: «Gli eventi stanno scomparendo»

Le notizie di sagre ed eventi che vengono annullate sono sempre più frequenti. Da un rapido sguardo al calendario, nazionale come locale, il numero di festival è in netto calo. Le ragioni sono, molto spesso, riconducibili alle richieste della circolare Gabrielli del maggio dello scorso anno. L’allarme e la richiesta di intervento, da parte del ministro degli interni, Matteo Salvini, arriva dall’Anci Piemonte, regione che, come abbiamo detto più volte, è particolarmente sotto i riflettori dell’attenzione. «Non tutte le amministrazioni sono in grado di far fronte alle spese. Il Palio di Siena – spiega il presidente Alberto Avetta che è anche primo cittadino di Cossano Canavese – è costato 60mila euro in più. Così il carnevale di Ivrea che ha dovuto investire altri 40mila euro per la sicurezza. È evidente che non si può trattare la sagra del cavolo verza di Montalto Dora alla pari delle manifestazioni a Torino altrimenti la prima è destinata a scomparire».

Ma questa voce ha echi in tutta Italia. Al Viminale arrivano lettere da tutti gli angoli del paese, e c’è anche un’interrogazione parlamentare depositata nei giorni scorsi a firma di Roberto Rosso (Fi) che chiede una semplificazione della normativa vigente. Il primo passo era stato fatto dal presidente dell’Anci nazionale, il sindaco di Bari, Antonio Decaro che, a gennaio aveva inviato una lettera con tre proposte che ancora non hanno avuto risposta. In quel testo le proposte che potrebbero semplificare molto la vita degli organizzatori di eventi locali: l’istituzione di un fondo nazionale per le spese sulla sicurezza, la promozione di assistenti civici, formati con corsi di formazione, da usare durante le manifestazioni, l’adozione per ogni Prefettura di indirizzi sperimentali arrivando all’elaborazione di procedure standard. Ora è il tempo dell’attesa, nella speranza che ci siano novità, non passi indietro, ma evoluzioni che non trattino una sagra di paese come un evento della capitale.

[Via]