Live People

Lo staff di Young Signorino dice basta alle critiche: «Rappresenta il punk italiano degli anni 20X».

Al primo live, Young Signorino, ha fatto parlare di sé non salendo proprio sul palco del Monk di Roma. Poi è stata la volta del dissing contro un ragazzo del pubblico che gli aveva lanciato un bicchiere durante l’esibizione a Padova. L’attenzione attorno alla sua musica, alle sue provocazioni, al suo essere estremo, stanno portando il suo nome sulla bocca di tutti, con reazioni abbastanza opposte. Chi è curioso e chi, invece, lo boicotta, come il sindaco di Bassano, Riccardo Poletto, che si è opposto alla sua partecipazione all’Ama Music Festival.

Un atteggiamento che ha spinto lo staff del trapper, all’anagrafe Paolo Caputo, ad intervenire per fare chiarezza e spiegare, una volta per tutte, come attorno alle tracce di Young Signorino ci sia un filo rosso netto, dai tratti propri di un’antropologia nichilista. Siamo alle porte del «punk italiano degli anni 20X, è la realtà urlata, strillata, sbeffeggiata, e vuole fare aprire gli occhi a tutti».

Questo l'intervento integrale dello staff di Young Signorino

«Young Signorino è l’artista più discusso del momento e nessuno capisce perché. Contro di lui tuonano i benpensanti, le istituzioni, quasi tutti i media italiani e non solo, perché ormai ha valicato anche le Alpi. È un fenomeno di costume, fa parlare, arrabbiare, ingiuriare. Si è mai visto prima qualcosa del genere in Italia?

Paolo Caputo, questo il suo vero nome, ha creato la personalità di Young Signorino e sostiene di essere il Figlio di Satana e il Marylin Manson italiano e non vuole fermarsi davanti a nulla. Young Signorino scende in piazza tra i fan e si esibisce gratuitamente, viene boicottato da politici e fa preoccupare le associazioni familiari e religiose, che preferiscono chiudere gli occhi su quello che sta succedendo attorno a loro, la realtà dei giovani, il degrado, le droghe, la fine di ogni morale. Young Signorino glielo sbatte in faccia: lui è il Figlio di Satana, perché gli adulti sono il diavolo che hanno portato al collasso la società, lui vuole essere chiamato ‘Padre Satana’ da suo figlio, perché già sa che quello che gli è stato lasciato da chi l’ha preceduto non gli permetterà di lasciargli un mondo migliore. Anche lui diventerà Satana, crescendo, e si prepara già al peggio. Le ambulanze suonano la notte, la gente danza, si droga, si sballa, fa sesso a più non posso: La danza dell’ambulanza vuole sbattere in faccia a tutti la realtà, perché soffocarla è solo il tentativo dello struzzo di nascondere la testa sotto terra. Dolce droga riprende il titolo da un brano di Ludovico Einaudi, il celebre pianista, e dissacra il concetto di droga, prendendo a piene mani dal vocabolario il significato del termine e colpendo tutti i benpensanti, che hanno dato un’unica interpretazione al brano, nonostante nel video Signorino giri con della verdura in mano... Mmh ha ha ha: ridere, ridere, ridere, fumare, fumare, fumare: ai giovani - considerati bambini fino a quarant’anni - non rimane altro che esprimersi con versi senza senso, inarticolati e allora il nichilismo è l’unica via, l’unico modo di urlare il disagio. Non sa cantare? Non sa suonare? I beat non sono suoi? Young Signorino è il punk italiano degli anni 20X, è la realtà urlata, strillata, sbeffeggiata, e vuole fare aprire gli occhi a tutti».