Live People

Quattro rapper fondamentali per Og Eastbull

Og Eastbull è un rapper italo rumeno che fa della strada e della vita difficile la base di una lirica graffiante che raggiunge dritto nel segno il suo obiettivo. Uno stile forte, che ha le sue radici nella sua Romania, ma anche nelle barre d’oltreoceano che ha fatto sue, per stile e capacità introspettiva. Per questo la chiacchierata con lui su quelli che sono gli artisti più influenti ha spaziato molto: tre artisti, con un bonus di un quarto utile a completare un quadro fatto di pennellate davvero intensi. Bug Mafia, Dmx, Eminem e 50 Cent. «La differenza tra gli artisti c’è, tra i 4 è notevole a livello stilistico, ma hanno un punto in comune: che siano i Mafia, Dmx, 50 Cent, ma lo stesso Eminem, la vita di strada, il percorso di vita, non è in nessuno dei quattro una storia facile». Un aspetto, questo, che gli ha permesso di immedesimarsi, fornendo un ponte per quell’Italia che è sempre stato «un paese che non ama troppo il rap di strada, secondo il mio parere. Piace l’idea, però non c’è mai stato, se non in pochissimi casi, un rapper che rappresentasse una realtà cruda come in America. Si fanno le cose americane, ma è tutto più soft». Dall’energia di Dmx, all’introspezione di Eminem, passando per Bug Mafia «la prima cassetta rap che ho ascoltato». Infine una menzione particolare per 50 Cent perché «nessuno è stato più cazzuto di lui». Un viaggio, dettagliato, alla scoperta di chi si nasconde dietro le liriche e lo stile di Og.


Bug Mafia

Il mio percorso musicale è iniziato un po’ da bambino, con mia madre che mi ha comprato la prima cassetta di Bug Mafia che, anche se ora lo sono un po’ meno, rappresentano i pilastri del rap rumeno: hanno fatto la storia del genere in Romania. Nel ’97 mia madre mi comprò questa cassetta che parlava solo di criminalità e di strada, il gruppo più controverso della Romania: sdoganava la west coast della Romania, una musica influenzata da Los Angeles, ma adattata alla vita in Romania. Iniziai ad ascoltare il rap con questa prima cassetta, e da lì mi hanno influenzato all’inizio del percorso: il principio fu quella cassetta.

OG_foto3(1).jpg

Dmx

La sua affiliazione con i bikers, se penso alla Roma che ho vissuto, lo mette tra gli artisti di riferimento. Sicuramente mi ha influenzato con la grinta e l’enorme energia che mette nei pezzi, nei video, ma anche sul palco. Ma poi ha un botto di lirica fatta bene, tra il crimine, il bronx, e una chiave di scrittura molto elaborata. Lo definiscono il nuovo Tupac, ma lui è più gotico: poi questo timbro vocale, non poteva che influenzarmi. C’è sempre l’influenza rumena di quel rap criminale, in quello che faccio, e che ho fatto da giovanissimo, ma per la grinta e per l’immaginario non posso che dire che è Dmx ad avermi ispirato con il suo essere.


Eminem

A differenza di Dmx, che sottolineava quella parentesi di strada intriso di crimine e moto, Eminem mi ha influenzato per il suo essere introspettivo, come penso abbia fatto con tutti. Mi ha sempre colpito la sua versatilità e questo lo rivedo anche su di me, sul percorso che ho fatto. Il suo punto di forza è il suo essere autoironico su sé stesso, ma tirando fuori anche pezzi con argomenti molto sociali e molto personali e profondi. Lui ha vissuto in una roulotte, mentre io, a 13 anni, ero in una baracca: sono cresciuto con mia madre e queste difficoltà della vita le condivido con lui. Questa è la linea che ho fatto mia. Io non so perché ci ha messo così tanto ad arrivare in Italia, ci ha messo davvero parecchio. Con tutto il rispetto per Raffaella Carrà, non so quanto sia davvero colpa sua: oggi il rap da noi è sdoganato. Quando all’epoca è passato da noi, non c’era la stessa apertura mentale che c’è ora. L’Italia non era pronta ad accoglierlo. Ora è venuto e io neanche l’ho visto: mi è dispiaciuto. Ma stanno venendo in parecchi, ed è un segnale di grande cambiamento che conferma come l’Italia sia sotto al riflettore.


50 Cent

Ha contribuito molto sulla parte che è più gangsta. 50 Cent in quegli anni è stato l’unico a girare con il giubbotto antiproiettile, era il più aggressivo e cazzuto, quello che si è sempre fatto rispettare. Penso che qualsiasi pischello cresciuto con questa musica abbia fatto suoi questi esempi e non potevo non citarlo tra i modelli che mi hanno ispirato.