Live Report

Energia e riconoscenza verso il pubblico: l'ultima data dei Belize al Covo di Bologna

I Belize hanno scelto il Covo Club di Bologna come ultima data del Graffiti Tour (prima parte), a poco più di un anno di distanza da quando nello stesso posto hanno suonato Pianosequenza. Prima di loro sul palco salgono i Sorry About Wu che scaldano l’atmosfera del locale con la loro musica elettronica: suoni e luci si alternano sul palco e l’attesa sale.

Sono le 23 passate e i Belize iniziano il live, salgono sul palco e salutano subito il pubblico. La prima canzone è A lei, seguita da Buenos Aires (parte 1 e parte 2) e Checkin. Appaiono sicuri sulla scena, sanno quel che fanno e nulla è lasciato al caso. Riccardo suona, canta, balla. Ringrazia costantemente il pubblico, con un forte senso di riconoscenza che forse appartiene solo a chi ha faticato davvero per arrivare ad essere su quel palco. E non se lo dimentica.

Belize Covo

Il live continua con 24/7, Iride e Fisher price. Riccardo chiede al pubblico Come state? e la risposta univoca è Beneeee. Una ragazza dal pubblico chiede: «E tu come stai?». Riccardo è piacevolmente sorpreso e scherza con gli altri membri del gruppo, stanno tutti bene, chi come Federico ha problemi con la tinta di capelli, chi come Mattia è preoccupato perché non può guardare sempre il telefono.

Le prossime canzoni sono Quando la città dorme, Nuovo cinema normale e Brotherhood. L’ultima canzone Riccardo l’ha dedicata al fratello e non perde occasione per ricordarlo, visibilmente emozionato. Si passa agli ultimi brani Gilette, Non aprite quella porta e Pianosequenza. Riccardo alterna momenti in cui è seduto alla tastiera e momenti in cui invece si alza e prende il microfono in mano, padrone della scena. Mattia si esibisce in un assolo con la chitarra, è molto bravo e lo dimostra al suo pubblico. Ogni tanto si sistema il ciuffo, mette a posto gli occhiali che si spostano continuamente e ricomincia a suonare.

Riccardo Montanari Covo bologna

Riccardo racconta di quando hanno suonato per la prima volta fuori Varese, erano spaesati e non abituati a suonare davanti a un pubblico così numeroso. Incontrarono i ragazzi del Collettivo HMCF, spaesati, esattamente come loro. Così nacque questo sodalizio artistico, così i Belize hanno iniziato a credere nei loro primi successi e hanno cavalcato l’onda che li ha portati alla crescita artistica che hanno intrapreso. Arriva il penultimo brano che è uno dei loro primi brani di impatto sul pubblico: Bovisa a mano armata. Il live si conclude con Superman, Riccardo ringrazia tutti, dal fonico, a Marco che ha imparato in poco tempo moltissimi brani da suonare durante i live, al pubblico che li sostiene.

«Ci vediamo nel 2019, vi vogliamo bene. I miei migliori complimenti», Riccardo conclude così il concerto. Rimango stupita dall’ultima frase. Poi vedo nel pubblico Walter Ferrari de I miei migliori complimenti che suonerà al Covo Club il prossimo 20 Ottobre. Si abbracciano tra la folla. La festa dei Belize è la festa di tanti amici venuti lì per sostenerli. Si spengono le luci e i ragazzi scendono dal palco. Il 2019 sarà un anno che li vedrà ancora protagonisti, su questo siamo pronti a scommettere.

Foto di Vladyslav Yakovenko